Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

GIGLIO IN CANOA

Una fantastica isola dell'arcipelago toscano, due porticcioli, 25 km di spiagge e scogliere da costeggiare in kayak
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

L'isola del Giglio si trova al largo del promontorio dell'Argentario, nel sud della Toscana, a un'oretta di traghetto da Porto Santo Stefano. Come meta di vacanza è piuttosto rinomata tra gli italiani, ma forse non abbastanza vista l'incredibile bellezza delle sue coste che, quando esplorate in canoa (o in Stand Up Paddle), regalano gioie a gogò. Non bisogna dimenticare i tre pittoreschi paesini: Porto Giglio, dove arrivano i traghetti, Campese, col suo splendido porticciolo, e il borgo medievale di Castello, arroccato sul monte al centro dell'isola (e quindi difficilmente raggiungibile in kayak :)).
Sotto la cartina dell'isola (con le distanze, per programmare il vostro itinerario in canoa lungo il litorale), presentiamo una guida al Giglio partendo dalla nostra ultima esperienza di circumnavigazione dell'isola in kayak.


Kayak isola del Giglio, Toscana
Kayak in Toscana: il Giglio, con le spiagge di Campese e le scogliere del sud dell'isola; cartina e distanze

Come arrivare al Giglio
I traghetti per l'isola del Giglio partono da Porto Santo Stefano, una bella località della costa toscana, in provincia di Grosseto. Ci sono due compagnie, Toremar e Maregiglio, con prezzi simili: una persona può viaggiare per circa 10-12 euro a tratta; c'è inoltre la possibilità di imbarcare l'auto (40-45 euro a tratta), anche se in alta stagione l'accesso all'isola potrebbe essere concesso soltanto ai veicoli dei residenti.

Per arrivare al Giglio con le canoe è sicuramente più comodo avere l'auto al seguito con i kayak sul tetto (o con una canoa o un SUP gonfiabile nel bagagliaio), sebbene Maregiglio offra la possibilità d'imbarcare sul traghetto direttamente una canoa.
Una volta arrivati a Porto Giglio, ci si trova in un paesino caratteristico, con la vista che può subito spaziare sulle scogliere a nord (dove s'era tragicamente incagliata la Costa Concordia).

Chi è arrivato al Giglio in auto può parcheggiare gratuitamente seguendo le indicazioni per Campese: lungo la strada in salita, magari dopo un chilometro o due, si trova infatti posteggio in qualche slargo. Si consiglia di scaricare le canoe a Porto Giglio, prima di lanciarsi in una simile sfacchinata!!
Porto Giglio in Kayak, Toscana
Partenza da Porto Giglio, dove arrivano i traghetti
Giglio in Kayak, Toscana
Appena varate le canoe, si incontrano subito belle scogliere
Da Porto Giglio a Campese
Una volta messe le canoe in acqua a Porto Giglio, si può partire per la circumnavigazione dell'isola in senso orario oppure antiorario. Per chi, come capitò a noi, scende dal traghetto alle due e mezza del pomeriggio, meglio procedere in senso antiorario, perché così Campese dista appena 8 km e può essere tranquillamente raggiunta prima di cena (a Campese c'è l'unico campeggio del Giglio, oltre che alberghi, ristoranti e negozi). Se invece si ha più tempo il primo giorno rispetto al secondo, meglio procedere in senso orario.
Tra parentesi, se non volete dormire in tenda, cliccate qui per confrontare gli alberghi e trovare gli alloggi più convenienti.
La costa a nord di porto Giglio è subito strepitosa: acqua limpida e natura. Unico difetto, il primo tratto potrebbe essere ancora chiuso per il cantiere post-Concordia: nel caso, bisogna passare al largo delle boe gialle. S'incontra presto la spiaggia di Arenella, dove vale la pena fermarsi: l'acqua limpida e gli scogli e le casette sul mare sono uno spettacolo.
Giglio Arenella in Kayak, Toscana
La spiaggia di Arenella, poco distante da Porto Giglio, presenta un'acqua strepitosa...
Giglio Arenella in Kayak, Toscana
...con trasparenze caraibiche in cui la canoa si riflette e atteggia in bella mostra.
Riprendendo i kayak (o gli Stand Up Paddle) si seguono basse scogliere e natura incontaminata per diversi chilometri. Col SUP, in particolare, sembra di volare, tanto l'acqua è trasparente. Non ci sono altre spiagge, ma qualche scoglio piatto su cui fermarsi sì. Dopo tanta natura, s'intravedono i primi edifici: il campeggio Baia del Sole è poco prima di Campese e se ne notano i bungalow e le tende. Per chi pernotta qui, degli scogli piatti subito sotto il campeggio sono un comodo approdo per le canoe.

Se invece si vuole arrivare in paese, mancano poche centinaia di metri. S'incontra anzitutto la caratteristica torre sul mare; alla sua sinistra c'è un ponte di pietra sotto cui si può passare con il kayak, o con lo stand up paddle stando attenti a non prendere una testata, entrando così nello splendido porticciolo.
Giglio Campese si trova su un ampio arco di spiaggia, con ombrelloni, bar e tutto il necessario per spassarsela. Il ristorante Da Tony ha deliziosi piatti di pesce a prezzi onesti.
Giglio in Kayak, Toscana Giglio in Kayak, Toscana
Giglio Campese presenta le più ampie spiagge dell'isola, tramonti eccezionali...
Giglio in Kayak, Toscana Giglio in Kayak, Toscana
...ristoranti di pesce e un ponte di pietra sotto cui transitare in canoa.
Campese - Porto Giglio
Pagaiando a sud di Campese, s'incontra subito un imponente faraglione. La costa diventa sempre più scoscesa, con scogliere a picco sormontate dal verde della rigogliosa vegetazione del Giglio. Non s'incontrano molte spiagge, ma il mare cristallino è una buona consolazione.
Giglio in Kayak, Toscana
Il faraglione subito dopo Giglio Campese cala il canoista nel clima adatto...
Giglio in Kayak, Toscana
...per godere di paesaggi incontaminati in cui fare il bagno e pagaiare.
Tra paesaggi sempre più spettacolari si arriva quindi alla punta sud dell'isola, sormontata da un faro. Da qui, si vedono in lontananza Giannutri e l'Argentario. Porto Giglio non è più molto lontano, quindi è probabile incontrare più imbarcazioni.
Risalendo verso nord, ricompaiono alcune spiagge, davvero belle anche se frequentate. Solcando acqua verde e trasparente, si arriva quindi a Porto Giglio.
Giglio in Kayak, Toscana Pomodoro di mare al Giglio Faro del Giglio
Pagaiando verso il bel faro della punta sud del Giglio, si attraversano in kayak baie d'acqua limpidissima, apprezzata anche dai pomodori di mare
Giglio in Kayak, Toscana Giglio in Kayak, Toscana Giglio in Kayak, Toscana
Dopo una pausa ai piedi del faro, ancora calette spettacolari e alcune spiagge prima di arrivare a Porto Giglio e terminare la circumnavigazione.
L'interno dell'isola del Giglio
A questo punto, per quanto soddisfatti della gita in canoa, prima d'imbarcarsi su un traghetto per allontanarsi dal Giglio è opportuno visitarne il verdeggiante interno. Ci sono numerosi sentieri adatti al trekking che attraversano il parco (a proposito, il campeggio libero è proibito). Il borgo di Castello, arroccato sul punto più alto dell'isola, è fatto di case medievali, vicoli angusti e viste apertissime sul Giglio e sul mare.
Se vi piacciono i viaggi selvaggi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Potete trovare molte altre foto (a risoluzione più alta) di tutte le gite in canoa in Toscana in questo post di Facebook:
Foto Elba, Giglio, Argentario in kayak
Tutte le foto di Elba, Giglio e Argentario visitati in kayak

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy