Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Le grotte di Finale Ligure

Un sorprendente sentiero tra boschi e caverne
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

Finale Ligure è un piccolo paradiso per gli sport nella natura: il suo borgo medievale è circondato da sentieri per escursionisti e bikers, da miriadi di pareti d'arrampicata e da sorprendenti grotte (e sul mare c'è pure la lunga spiaggia!). In questo ambiente meraviglioso, andiamo a scoprire un itinerario breve e bellissimo: un sentiero nella valle tra Perti e Montesordo che porta alla Grotta dell'Edera e alla Grotta della Pollera, tra boschi e verticali pareti calcaree.

Grotta dell'Edera a Finale
Grotta dell'Edera a Finale
La partenza di questo sentiero può essere direttamente dal centro di Finale Borgo. Da qui, si segue l'itinerario dei cinque campanili: subito sopra il pittoresco paese medievale c'è il Forte San Giovanni. Dopo pochi minuti, arrivati a circa 150 metri di quota, s'incontra Castel Gavone e poco più avanti c'è la Chiesa di Sant'Eusebio. Chi ha l'auto e vuole risparmiare l'oretta di fatica (tra andata e ritorno) tra Finale Borgo e questa chiesa, può optare anche per parcheggiare proprio in corrispondenza della Chiesa di Sant'Eusebio.
La Chiesa di Sant'Eusebio a Finale
La Chiesa di Sant'Eusebio sopra Finale
Superata la Chiesa, si continua su una stradina asfaltata, percorribile anche in auto ma molto poco trafficata. Poco dopo si passa di fianco all'ampia grotta di Arma di Perti, e dopo pochi altri metri, in corrispondenza della chiesa di Nostra Signora di Loreto, si gode uno splendido panorama su Finale, con la vista che arriva fino al mare.
Nostra Signore di Loreto a Finale
Nostra Signore di Loreto e il panorama sulla valle di Finale

Da qui si continua sulla piacevole strada fino alle case di Perti Alta, dove si può attraversare il torrente su un ponticello a destra e prendere il sentiero che s'inoltra verso il bosco e le pareti rocciose.
Mappa sentiero grotte a Finale
Mappa del sentiero per le grotte sopra Finale, con una tempistica calcolata per escursionisti molto tranquilli
Circa 710 metri di sentiero portano da Perti Alta alla Grotta dell'Edera, che è davvero particolare: una gigantesca apertura nella parete rocciosa, una specie di caverna cilindrica dal tetto sfondato.

In realtà, subito prima di arrivare alla Grotta si può scegliere tra due sentieri paralleli: uno arriva a un'apertura in alto, da cui si può ammirare la gigantesca caverna a cielo aperto. Da qui ci si può calare pericolosamente con una corda sul fondo della grotta.
Grotta dell'Edera, Finale
Selfie col tetto sfondato della Grotta dell'Edera
Da qui si godono anche belle viste sulla valle boscosa, sulle sue rocciose pareti e sulle case di Perti Alta da cui parte l'itinerario escursionistico per la Grotta dell'Edera.
Perti Alta, Finale
Le case rosse di Perti Alta, dove il sentiero lascia la strada, a centro foto
Come detto, oltre al sentiero in alto c'è quello poco più in basso che arriva invece a una grotta buia, che apparentemente è separata dalla Grotta dell'Edera. In realtà, risalendo questa grossa caverna, aiutandosi con delle corde fisse, si arriva a uno stretto buco nella roccia, da cui si sbuca alla base della grandiosa caverna aperta. Questa seconda soluzione è più facile e meno rischiosa, ma richiede comunque dei passaggi da non sottovalutare, oltre che l'utilizzo di una torcia frontale.
Grotta dell'Edera, Finale
All'interno della buia caverna che porta poi a sbucare nella parte aperta della Grotta dell'Edera
Il sentiero dei Cinque Campanili è quello che passa davanti alla caverna bassa e continua poi nel bosco lungo la parete rocciosa di Montesordo. Nella roccia ogni tanto si notano altre caverne più piccole. Quando il bosco si dirada si possono godere begli scorci sulla rocca di Perti.
Rocca di Perti, Finale
Rocca di Perti
Si prosegue per circa mezz'ora fino ad arrivare a una deviazione a destra che porta in salitra alla gigantesca grotta della Pollera. Questa buia caverna, da visitare con una torcia, ha una doppia apertura come grandioso ingresso.
Grotta Pollera, Finale
L'ingresso della Grotta della Pollera

L'Arma Pollera (col termine Arma si indicano le caverne della zona) ha una cavità d'ingresso alta quindici metri e la parte visitabile a piedi è lunga un centinaio. Dopo l'ingresso, a destra, si può però scendere su un pendio fangoso e scivoloso, avventurandosi nei meandri della montagna in svariati cunicoli, camminando per 500 metri e arrivando 64 metri più in basso, superando cavità anguste, specchi d'acqua e rocce franate, cosa consigliata ovviamente solo agli speleologi opportunamente attrezzati con corda, caschi ed esperienza. Ma è solo affascinante sapere che la Grotta della Pollera, Finale e la Liguria in generale possiedono queste misteriose bellezze!
Grotta Pollera, Finale
All'interno di Arma Pollera
La grotta della Pollera come altre in zone era abitata fin dalla preistoria e in passato vi si trovavano reperti archeologici. Oggi bisogna accontentarsi dei meravigliosi panorami. Il rientro verso la Chiesa di Sant'Eusebio e Final Borgo può avvenire in vari modi. Si può rientrare subito alla strada asfaltata e proseguire lungo di essa, oppure si possono intraprendere altri bei sentieri nel bosco, e se si ha a disposizione tutta la giornata ci sono varie altre grotte da esplorare.
Grotta Pollera, Finale
Dalla strada si ammirano peschi fioriti e le pareti rocciose di Montesordo
Noi avevamo optato per dedicare la mattina alle grotte su questo percorso solo in parte soleggiato per poi andare invece nel pomeriggio a goderci il sole pieno del sentiero da Spotorno al Monte Mao (Spotorno è a 20 minuti d'auto da Finale).
Comunque sia, buon divertimento e buone gite!! Ah, su questo sito, è descritta qui tutta la rete di sentieri costieri della Liguria. con innumerevoli meravigliosi itinerari, tra cui anche il vicino sentiero da Varigotti a Noli, che passa anche dalla Grotta dei Falsari, e, sempre nel ponente ligure, la panoramica escursione da Andora a Cervo.

Se vi piacciono le attività all'aria aperta e i viaggi avventurosi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy