Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Monte Moro e laghetti di Nervi

Splendido itinerario ad anello sopra Genova
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

Questo itinerario escursionistico ad anello permette di ammirare splendide viste su Genova e il Golfo Paradiso, ma anche alcune particolarià della zona davvero uniche: dalle batterie del monte Moro risalenti alla seconda guerra mondiale ai laghetti di Nervi, passando sui sentieri del Monte Fasce disseminati di grotte.

Batteria del Monte Moro
La vista su Genova dalla Batteria del Monte Moro
Iniziamo dal Monte Moro, tenendo a mente che ovviamente questo trekking può essere percorso anche partendo da Genova Nervi e dai suoi laghetti, oppure dividendolo in due gite diverse. L'imbocco del sentiero per i resti della Seconda Guerra Mondiale sul Moro si trova presso il cimitero di Quinto.
Cimitero di Quinto e sentiero per il Monte Fasce
L'inizio del sentiero per il Monte Fasce dal Cimitero di Quinto
Da qui si sale seguendo l'itinerario indicato dal segno rosso a forma di T rovesciata. Tutto il pendio su cui si cammina è ricco di arbusti, di brugo e di timo: sono pochissimi gli alberi alti, e per questo le viste sono sempre molto aperte sia su Genova che sul promontorio di Portofino.
Ammirando Genova dal Monte Moro
Ammirando Genova dal Monte Moro
Dopo circa centocinquanta metri di dislivello si arriva ai primi bunker della seconda guerra mondiale. Le costruzioni abbondano, e talvolta s'inoltrano nella montagna con tunnel, scale e stanze sotterranee. Entrarvi è sconsigliato, ma è tutto aperto e per curiosità potete quantomeno affacciarvi dentro alle storiche opere della guerra costruite sul Monte Moro a protezione di Genova.
Un tunnel nel Monte Moro
Un tunnel della Guerra nel Monte Moro

Continuando a salire, si arriva a circa 400 metri di quota dove ci sono i ruderi di un vecchio albergo. Qui è possibile arrivare anche in auto, ma vale la pena percorrere il sentiero dal cimitero di Quinto per ammirare appunto le batterie del Moro, oltre che le belle viste.
Dai ruderi dell'hotel si può continuare a salire sulla cresta del Monte Moro, dirigendosi verso le antenne sulla vetta del Fasce.

Il Monte Fasce appare spoglio e pure un po' triste dal basso, ma è in realtà ricco di macchia mediterranea e offre viste spettacolari su Genova.
il sentiero verso il Monte Fasce
Lungo il sentiero verso il Monte Fasce
Inoltre, le sue pendici sono disseminate di piccole grotte, di cui la più interessante è il Pertuso do Cantè, a 540 metri di quota, raggiungibile con una breve deviazione a sinistra mentre si sale lungo la cresta. Il Pertuso do Cantè è una grotta lunga circa venti metri da cui fuoriesce un ruscello. Stando attenti e muniti di torcia, ci si può inoltrare per vedere la sorgente del Rio Quinto e una formazione calcarea sul fondo.
Pertuso do Cantè, Monte Fasce
Nella grotta del Pertuso do Cantè, che è anche una sorgente sul pendio a mare del Monte Fasce
Tornati sull'itinerario in cresta che dal Monte Moro va verso la vetta del Fasce, a circa 600 metri di quota, non distante dal Pertuso do Cantè, c'è un punto panoramico. Qui si può decidere di continuare fino alla cima del Monte Fasce, a 820 metri di quota (e che è raggiungibile da Genova anche in auto attraverso una lunga strada in cresta). Oppure, si può deviare verso destra, su un sentiero che prosegue in costa sull'imponenente fianco del Fasce e che devia poi verso est, permettendo di raggiungere i laghetti di Nervi.
Tra Monte Moro e Monte Fasce
Genova Nervi e il promontorio di Portofino visti dal sentiero per il Monte Fasce
In questa pagina consigliamo questa opzione, anche perché permette di camminare sempre in posti selvaggi, oltre che di scendere verso gli spettacolari laghetti. Si attraversano così i pochi alberi di Orsiggia, sfiorando qualche rudere di pietra, e si scende sul fianco sinistro del ruscello che scende dal Monte Fasce verso Genova Nervi.

A tratti si scorge l'autogrill di Sant'Ilario, ma in genere si è nella natura incontaminata, e le pozze verdi e le cascatelle lungo il ruscello sono idilliache.
Dal Monte Fasce a Genova Nervi
Il pendio del Monte Fasce che scende verso Genova Nervi
Questo itinerario, più sconnesso di quello da Genova Quinto per il Monte Moro e il Monte Fasce, è segnalato da un pallino rosso. Più in basso, il torrente si unisce al più ampio Rio Nervi che forma altri splendidi laghetti.
I laghetti di Nervi
I laghetti di Nervi
Il sentiero a questo punto si unisce alla stradina asfaltata (ma strettissima, non percorribile dalle auto, solo dagli scooter) che collega la campagna di Molinetti alla città di Genova. Si passa sotto il cavalcavia autostradale e in circa venti minuti di scalinate e stradine cittadine si arriva al pittoresco Porticciolo di Nervi. Qui, o lungo le vicine passeggiate a mare, si può concludere la gita con un bell'aperitivo. (E per chi ha l'auto dal cimitero di Quinto, sono sufficienti venti minuti di cammino per raggiungerla).
Il mare a Genova Nervi
Il mare a Genova Nervi
Insomma, questo è uno splendido itinerario ad anello, ricchissimo di varietà, ma non troppo faticoso. Vale la pena fare anche solo la gita al Monte Moro e alle sue batterie, così come meritano un'altra escursione i bellissimi laghetti di Nervi, che sembrano trasportati dalle Alpi alla periferia di Genova. Il sentiero completo qui suggerito è un'ottima idea per tutti i curiosi che amano camminare nella pace della natura e vogliono ammirare splendidi panorami sul mare.
Mappa itinerario Monte Moro Genova Nervi
Mappa dell'itinerario descritto, tra Quinto, il Monte Moro, le pendici del Monte Fasce e Genova Nervi
Su questo sito, è descritta qui tutta la rete di sentieri costieri della Liguria. Da Genova Nervi si può continuare verso est con lo splendido itinerario da Nervi a Recco via Bogliasco e Sori, mentre nel ponente Ligure il best of the best è forse il sentiero da Varigotti a Noli, ma ci sono tante altre possibilità. Buone gite!!
Se vi piacciono le attività all'aria aperta e i viaggi avventurosi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy