Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Il Monte Ramaceto sui sentieri

Trekking e ciaspole sulla panoramica cresta
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

Una delle vette più riconoscibili dell'Appennino Ligure, il Monte Ramaceto ha una lunga, panoramica cresta che può essere raggiunta da diversi sentieri. In questa pagina descriviamo gli itinerari di trekking migliori per camminare fino ai 1345 metri di quota della vetta, anche con le ciaspole quando c'è neve.

La vetta del Monte Ramaceto
La vetta del Monte Ramaceto
Il Ramaceto si trova nell'entroterra di Chiavari e fa da spartiacque tra la Val d'Aveto e le valli che scendono verso il mare, in particolare la Val Fontanabuona. Iniziamo dall'itinerario classico, quello da Ventarola, che è anche il percorso più indicato con le ciaspole dato che è sul versante nord, dove è più probabile la neve, ed è anche il sentiero più breve e meno ripido.
Ventarola
Il piccolo paese di Ventarola
Ventarola è un paesino lungo l'omonimo fiume, che è un affluente dell'Aveto. Il paese può essere raggiunto in circa un'ora d'auto da Chiavari. Da qui, si cammina su un sentiero ben segnalato che segue il torrente. In primavera si passa attraverso dei bellissimi prati, ma anche in caso di neve l'atmosfera è idilliaca.
Ventarola con la neve
Con le ciaspole da Ventarola verso il Monte Ramaceto

Il primo tratto di questo itinerario è in falsopiano; si entra poi nel bosco, sempre procedendo sul sentiero lungo il torrente, finché ci si trova davanti al ripido pendio che conduce verso la cresta su cui passa l'Alta Via dei Monti Liguri. Tale cresta collega, con vari saliscendi, diversi monti panoramici, tra cui ad esempio il Pagliaro, che può essere raggiunto comodamente da Priosa.
Fiume Aveto a Priosa
Attraversando l'Aveto a Priosa
Tutto ciò per dire che al Ramaceto si può arrivare anche camminando sull'Alta Via dei Monti Liguri, e che questa può essere raggiunta anche da Priosa o da altri paesini della Val d'Aveto (ovviamente il percorso si allunga! Ma vale la pena godersi i panorami dall'Alta Via).
Alta Via dei Monti Liguri
Lungo l'Alta Via dei Monti Liguri, sopra Priosa, tra Monte Pagliaro e Ramaceto
Tornando a parlare dell'itinerario di trekking da Ventarola al Ramaceto, si può dire che dopo circa quattro chilometri di cammino e trecento metri di dislivello si arriva sulla cresta, alla Bocca di Feia, e che da qui si può proseguire lungo l'Alta Via dei Monti Liguri verso il Ramaceto.
Ramaceto con le ciaspole
In cresta con le ciaspole vista mare, tra Bocca di Feia e Ramaceto
Tale ultimo tratto di sentiero in cresta è lungo circa un chilometro, ma si tratta comunque altri duecento metri di dislivello piuttosto ripidi. L'arrivo in vetta regala grandi panorami.

Un altro trekking spettacolare per arrivare sulla cima del Ramaceto è quello che da Prati di Cichero porta alla vetta salendo sul versante sud. In questo caso l'itinerario è più ripido e faticoso, ma è anche tutto illluminato dal sole.
Sentiero per il Ramaceto
Lo spettacolare versante ad arco del monte Ramaceto, con vista mare
La partenza del sentiero si trova vicino all'agriturismo Da O Cason de Larvego (fatevi guidare qui da Google Maps). Superato l'agriturismo, dopo poche curve la strada asfaltata termina e si può iniziare a camminare. Il sentiero si divide in due: una traccia andrebbe dritta verso la vetta, ma si perde, mentre l'altra procede più verso destra.

Io qui ho seguito il sentiero che si perdeva e alla fine sono arrivato in cima al Ramaceto andando dritto per dritto sulla massima pendenza, strusciandomi tra i cespugli! Bellissimo, ma scomodo.
Sentiero per il Ramaceto
Spettacolare masso lungo la salita sul versante sud del Ramaceto
Se si sale dritti per dritti si cammina per un paio di chilometri, mentre col sentiero sulla destra lo sviluppo è il doppio, ma il tempo di percorrenza, se non si corre, sfiora comunque le due ore in entrambi i casi, dato il dislivello di 570 metri. Arrivati in cresta si possono ammirare i soliti panorami meravigliosi.
La madonnina sulla cima del Ramaceto
La madonnina sulla cima del Ramaceto
Per scendere, si può percorrere tutta la cresta del Ramaceto, per poi prendere il sentiero per il Passo di Romaggi, deviando a un certo punto a sinistra verso i Prati di Cichero. Qui i sentieri sono diversi (le tracce sull'app maps.me aiutano a districarsi): noi ne abbiamo percorso uno molto bello verso i prati di Cichero, salvo poi perderci in mezzo ai cespugli, da cui siamo usciti dopo un avventuroso attraversamento della selva piena di rovi.
Dal Ramaceto verso i Prati di Cichero
Scendendo dal Ramaceto verso i Prati di Cichero
Insomma, da un versante o dall'altro, con neve o senza, il Monte Ramaceto merita qualche bella escursione. Per foto e descrizioni di altri bei sentieri e ciaspolate in Val d'Aveto cliccate qui. Buone gite!
Se vi piacciono le attività all'aria aperta e i viaggi avventurosi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy