Seguiteci su FB e Instagram! Dopo le notti insonni spese per creare il sito, ve ne saremo grati!

E se vi piacciono i libri di viaggio, leggete l'unica ed emozionante
GUIDA TURISTICA DEL PIANETA TERRA: UN'ESILARANTE AVVENTURA DALLA NAMIBIA ALLA LIGURIA

Seguiteci su FB e Instagram! Dopo le notti insonni spese per creare il sito, ve ne saremo grati!

E se vi piacciono i libri di viaggio, leggete l'unica ed emozionante
GUIDA TURISTICA DEL PIANETA TERRA: UN'ESILARANTE AVVENTURA DALLA NAMIBIA ALLA LIGURIA

Bulgaria

Meraviglie naturali e rustici villaggi
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

In vacanza in Bulgaria

La Bulgaria è un paese poco turistico, ma merita un viaggio di almeno una settimana grazie a montagne alte quasi 3000 metri, grotte gigantesche, coste sabbiose, costi contenuti e paesini pittoreschi. Inoltre, una vacanza in Bulgaria può essere unita facilmente a un viaggio nella Grecia continentale, con la splendida costa greca a poche ore di macchina da Sofia. In questa pagina trovate tutte le informazioni su cosa vedere in Bulgaria, come muoversi, quando andare, cosa mangiare, i costi, eccetera! E vi racconto pure delle nostre esperienze di viaggio.
Cascate di Krushuna, Bulgaria
Cascate di Krushuna

Informazioni di viaggio

La Bulgaria si trova a nord della Grecia, affacciata sul Mar Nero. Dall'Italia, arrivare in Bulgaria con la propria auto non è un'ipotesi così folle, magari sfruttando i traghetti che da Ancona o Bari portano in Albania e Grecia. Nella capitale Sofia atterrano però molti voli low cost e le auto a noleggio sono economiche, quindi il fly & drive mi sembra l'ipotesi più conveniente: trovate le auto a nolo ai prezzi migliori qui.
Grotta di Devetashka in Bulgaria
La gigantesca Devetashka Cave
Per un viaggio in Bulgaria meglio prediligere l'estate quando il clima è migliore per godersi le sue montagne oltre i 2000 metri e le sue coste sul Mar Nero. Anche la tarda primavera e l'inizio autunno non sono male per vedere le città, le grotte e le campagne senza patire il caldo. D'inverno, invece, si può andare a sciare!
Montagne Parco Rila e seggiovia, Bulgaria
La seggiovia per le montagne di Rila e i sette laghi in versione estiva
I prezzi in Bulgaria sono bassi: si trovano camere doppie a 25 euro a notte anche ad agosto e in generale non manca la disponibilità di alloggi.

Per mangiare, i prezzi sono altrettanto economici: con 10 euro cenate mangiando in abbondanza! Mezzo litro di birra al ristorante può costare un euro; nel nostro itinerario di viaggio in Bulgaria abbiamo trovato soprattutto tantissima carne (stufati, grigliate, interiora...). I vegetariani dovranno studiare bene il menù (che sono in genere bilingue, anche se i camerieri spesso non parlano inglese).
Taverna bulgara tipica
Una tipica taverna bulgara e un piatto d'interiora

Il nostro viaggio in Bulgaria

Voliamo da Bologna a Sofia, una tratta insolita che Ryanair regalava per un pacchetto di noccioline. Cogliamo l'occasione per visitare brevemente Bologna: saliamo sulla terrazza della Basilica a 53 metri d'altezza, poi mangiamo 76 tortelli e vediamo un canale che sembra Venezia.
La Guida Turistica del Pianeta Terra, di Simone Boragno
Arriviamo a Sofia, che non ha i monumenti di Bologna e sfigura rispetto a tante città italiane - un triste destino comune a mezzo mondo. In compenso, l'atmosfera ci piace un sacco: nelle vie della capitale bulgara, tra chiese ortodosse come quella di San Nicola e palazzi sovietici, si respira l'aria dell'est.
La Chiesa Russa di San Nicola a Sofia
La Chiesa Russa di San Nicola a Sofia
La Bulgaria è uno dei paesi più poveri dell'Unione Europea. Ha la sua moneta, il "leva", che vale mezzo euro, e lo stipendio medio mensile equivale a poche centinaia di euro.
La via centrale di Sofia è vivacissima, piena di gente e di bar, e in una traversa troviamo una tipica taverna. Qui ci sfondiamo con un salsiccione (non pensate male), oltre che con verdure e salse varie. Tutto delizioso, saporitissimo! Aggiungendo una caraffa di vino e una baklava, che è il tipico dolce di miele e noci dal peso specifico dell'uranio, spendiamo 20 "leva" (10 euro) a testa, non male! 13 euro cadauno, invece, per la doppia nel simpatico pub/guesthouse gestito da una convinta oppositrice dell'igiene. Prezzi da alta stagione!
Campagna bulgara
Campagna bulgara
Il giorno dopo con l'auto a nolo lasciamo Sofia e ci dirigiamo verso la campagna. Tra colline e campi coltivati sembra d'essere nel bergamasco, anche perché tutte le auto sono targate BG, ma appena attraversiamo i villaggi sgarrupati ci ricordiamo di trovarci in effetti in Bulgaria. Ci sembra poi di piombare in un'altra era geologica quando in quelle morbide colline scopriamo delle grotte assurde. No, scusate, non sono semplici grotte, ma mondi sotterranei!
La grotta di Prohodna, Bulgaria
La grotta di Prohodna
Nell'ingresso della Prohodna Cave ci può stare il duomo di Bergamo, mentre nella Devetashka Cave ci si può trasferire un intero quartiere con tanto di Esselunga, e rimane spazio per far correre liberi i dinosauri. Che luogo incredibile, fuori dal tempo!
Grotta di Devetashka in Bulgaria
Grotta di Devetashka
Vicino alla grotta di Devetashka c'è la cascata di Krushuna, che è splendida e può essere ammirata da davanti e pure da dietro, se la si scala sprezzanti del pericolo.
Cascate di Krushuna, Bulgaria
Cascate di Krushuna
Felici di sentirci finalmente in viaggio dopo il Covid, troviamo un hotel/ristorante e ceniamo con tipici stufati bulgari. A proposito di Covid: al di fuori di Sofia, praticamente nessuno porta le mascherine, nemmeno i camerieri, nemmeno al chiuso. Ci addormentiamo pesanti e soddisfatti.
Canyon in Bulgaria
Fiume e canyon nel nord della Bulgaria
In questa zona ci sarebbero altre interessanti destinazioni. In particolare, la vecchia capitale bulgara di Veliko Tarnovo, per non parlare di altre grotte e templi e montagne. Noi lasciamo la Bulgaria, dirigendoci a sud di Sofia verso il confine greco (dogana di Promachonas) e guidando poi fino alle spiagge bianche della penisola calcidica.

Torniamo in Bulgaria dopo circa una settimana di peregrinazioni in Grecia per continuare il nostro itinerario di viaggio.
Melnik, Bulgaria
Melnik, nel sud della Bulgaria
Arriviamo di sera nel pittoresco villaggio di Melnik, che è all'inizio della Bulgaria, poco dopo la dogana di Promachonas. Melnik è minuscola, ma è anche la capitale del vino bulgaro. Lo assaggiamo in una taverna tipica, accompagnato da interiora di animale (cervella, lingua e trippa): tutto tanto buono quanto disgustoso! Tornando in Bulgaria ci sentiamo quasi a casa, perché amiamo i posti semplici e poco turistici.
Melnik, Bulgaria
Melnik
Ci risvegliamo nella graziosa Melnik, dove facciamo un giro tra case antiche e strani calanchi. Consiglio in particolare d'inerpicarsi nei vicoli laterali, verso il castello: le scalette portano a splendidi panorami.
Qui in Bulgaria tanti ci confondono per persone del posto, un po' stranamente perché i bulgari in genere sono tipi grossi e duri - ma forse, senza accorgercene, lo siamo anche noi. In Grecia, invece, ci distinguevano subito come turisti, forse perché sono più abituati a vederne (a Lefkada gli italiani eran più dei greci!).
Le montagne del Parco di Rila
Le montagne del Parco di Rila
Lasciamo Melnik e guidiamo fino alle montagne di Rila, tra le vette più alte della Bulgaria. Prendiamo la seggiovia e iniziamo lo splendido itinerario di trekking dei Sette Laghi di Rila, stando tra i 2000 e i 2700 metri di quota. I panorami sono grandiosi e i sette laghi in effetti sono splendidi. I paesaggi sembrano quasi alpini, anche se i cavalli allo stato brado e certe praterie ricordano un po' l'Asia Centrale e il mio amato Kirghizistan.
I sette laghi di Rila
I sette laghi di Rila
Dopo cinque ore di cammino, riscendiamo in seggiovia, prendiamo l'auto e guidiamo fino alla vicina Sapareva Banya, località termale a 900 metri di quota dove accorrono i turisti bulgari. Dopo l'idromassaggio caldo, mangiamo tipiche delizie a cifre irrisorie (il mezzo litro di birra a un euro è un pericoloso invito a diventare degli alcolisti).
Il geysir di Sapareva Banya
Il geysir di Sapareva Banya non spruzza, ma rifornisce belle spa
Sta arrivando la fine della vacanza, ma non per questo siamo meno smaniosi di vedere le bellezze della Bulgaria. Ci svegliamo a Sapareva Banya e andiamo ad ammirare il suo geysir, che dicono sia il più caldo d'Europa nonché l'unico sul continente. Tutto molto bello, ma il geysir, convogliato in una fontana, non spruzza né acqua né vapore, forse perché la sorgente naturale è iper-sfruttata dalle varie spa di Sapareva Banya. Insomma, è l'unico geysir al mondo che non è un geysir!
Il Monastero di Rila
Il Monastero di Rila
Guidiamo quindi fino al monastero ortodosso di Rila, che sorge in mezzo alle montagne ed è davvero scenografico. Ci sono un po' di turisti, per lo più bulgari, e l'atmosfera è idilliaca. Il Monastero di Rila è il monumento più importante della Bulgaria.
Non lontano dal monastero sorgono le piramidi di terra di Stob, dei profondi calanchi rossi con forme curiose. Per arrivare al punto panoramico camminiamo per 40 minuti in salita sotto il sole cocente, chiedendoci chi ce lo faccia fare. Il peculiare panorama ripaga però della fatica, anche se non con gli interessi.
Piramidi di Stob, Bulgaria Piramidi di Stob, Bulgaria
Piramidi di Stob, vicino al Monastero di Rila
Riprendiamo l'auto e guidiamo fino a Sofia, dove la restituiamo scassata come l'avevamo presa, per la gioia del noleggiatore. Sul volo per Bologna riguardiamo le 850 foto della vacanza. Alla duecesessanteseiesima mi addormento come un ghiro e inizio a sognare le esperienze meravigliose vissute in questi 11 giorni tra Bulgaria e Grecia. Che figata!

Altre destinazioni in Bulgaria

Noi abbiamo diviso la vacanza tra Grecia e Bulgaria, ma chi volesse fare un itinerario di viaggio più lungo solo in quest'ultima può trovare pane per i suoi denti.
Cascate di Krushuna, Bulgaria
Cascate di Krushuna
Consiglio in particolare un itinerario circolare. Da Sofia alle grotte di Prohodna e di Devetashka e alla cascata di Krushuna, come abbiamo fatto noi. Poi, anziché tornare indietro, continuare a Veliko Tarnovo e da qui fino al Mar Nero, per visitare Varna e tutta la costa proseguendo verso sud.

Da qui si può tornare nell'interno, nella vivace città di Plovdiv. Da Plovdiv si può arrivare a Melnik e riprendere l'itinerario da noi seguito, con il Monastero di Rila, le piramidi di Stob e le montagne bulgare con trekking come quello dei Sette Laghi di Rila e richiudere il cerchio (e il viaggio) a Sofia.
Melnik, Bulgaria
Melnik
Chi ha anche più tempo, può avventurarsi nell'estremo nord della Bulgaria, a visitare canyon e campagne e persino il Danubio.

Per concludere, la Bulgaria è splendida! Non è che mi ci trasferirei, ma per una settimana tra grotte immense, rustici paesi, montagne immacolate e un po' di Mar Nero va benissimo. E nella verace Bulgaria, anche se fa parte dell'UE, ci si sente in viaggio quasi come se si andasse in un paese esotico!
Se vi piacciono i viaggi selvaggi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy