La Guida Turistica del Pianeta Terra: un'esilarante avventura dalla Namibia alla Liguria!

La Guida Turistica del Pianeta Terra, di Simone Boragno

La Guida Turistica del Pianeta Terra: un'esilarante avventura dalla Namibia alla Liguria!

La Guida Turistica del Pianeta Terra, di Simone Boragno

La Grecia del Nord

Meteore, penisola Calcidica e altre meraviglie
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

Vacanze in Grecia del Nord

Tanti turisti visitano le isole dell'Egeo, ma anche la Grecia continentale merita un viaggio. Nel nord del paese le destinazioni principali sono le Meteore, il Monte Olimpo e le lunghe coste, in particolare quelle della Tessaglia e quelle di Lefkada e dintorni (Lefkada in realtà è un'isola, ma collegata alla terraferma dalla strada). Dalla costa ionica è facile raggiungere isole come Corfu e Cefalonia, mentre nel sud della Grecia continentale c'è il bellissimo Peloponneso, di cui parleremo in un'altra pagina.
Spiaggia sulla penisola di Sithonia
Spiaggia sulla penisola di Sithonia
Qui sotto trovate il nostro itinerario, originale e bellissimo (almeno ai nostri occhi!), varie foto, informazioni e chicche su costi, destinazioni, cosa mangiare e quant'altro.

Informazioni di viaggio

La Grecia è raggiungibile dall'Italia in traghetto o in aereo. Per un viaggio di un paio di settimane, può valere la pena portarsi la propria auto con una notte di navigazione su un ferry con partenza da Ancona o Bari diretto a Igoumenitsa. Chi ha poco tempo o comunque non vuole perderne, può invece optare più comodamente per un volo su Atene o Salonnicco e affittare una macchina: trovate le auto a nolo ai prezzi migliori qui.
Meteore, Grecia
Panorama sulle Meteore
Noi, in realtà, abbiamo volato su Sofia, in Bulgaria, per risparmiare sia sul biglietto aereo che sul noleggio auto: un'opzione da considerare se volete unire la visita di questi due paesi e se non vi spiace fare qualche ora di macchina in più nel corso della vacanza.

Per un viaggio in Grecia l'estate permette di godersi le spiagge; la Grecia sulle coste è ventilata ma nell'interno, ad esempio nella zona delle Meteore, il caldo a luglio e agosto può essere esagerato. Luglio e agosto in Grecia sono anche i mesi del meltemi, un vento intenso e potenzialmente molesto in spiaggia, ma in realtà la penisola calcidica e la costa ionica non ne sono colpiti.
Isola di Kalamos, Grecia
Spiaggia sulla piccola isola di Kalamos
I prezzi nella Grecia del nord sono bassi nell'interno: si trovano camere doppie a 30-40 euro a notte anche ad agosto; sul mare invece i prezzi sono simili a quelli italiani.
Idem per i ristoranti: taverne ultra economiche nell'interno, anche a Kalambaka che è la base di partenza per visitare per le Meteore, mentre prezzi più alti, ma comunque convenienti, lungo le coste.
Insalata greca
Insalata greca panoramica a Lefkada

Il nostro viaggio in Grecia del nord

Arriviamo in auto dalla Bulgaria, presso il posto di confine di Promachonas, nel nord della Grecia. Alla dogana greca ci chiedono il famoso modulo PLF, che noi abbiamo compilato con informazioni a caso, dato che come al solito non sappiamo dove andremo a pernottare. In genere, scegliamo il nostro alloggio nel tardo pomeriggio per la sera stessa. Comunque, passiamo senza problemi.
Spiaggia sulla penisola di Sithonia
Spiaggia sulla penisola di Sithonia
La nostra meta è la penisola Calcidica, che è formata da tre "dita" che si protendono verso sud. A noi spetta il dito medio, quello di Sithonia. Il dito a ovest è infatti più piatto e cementificato, mentre quello a est, il Monte Athos, è uno "stato monastico autonomo", dove vivono solo dei monaci che si autogovernano in modo indipendente. I monaci consentono l'accesso a pochi uomini al giorno, previa richiesta formale anticipata. Le donne sono bandite dalla penisola del Monte Athos, una politica sessista che però risolve un sacco di problemi, tipo come lasciare la tavoletta del WC.
La Guida Turistica del Pianeta Terra, di Simone Boragno
Che ci tocchi il dito medio sembra un brutto affronto, ma in realtà la penisola di Sithonia è piena di baie sabbiose spettacolari, come quelle di Kalamitsi e di Tourkolimniosas, nomi facili da ricordare :D. L'acqua del mare è caldissima, tanto che non ne vorremmo mai uscire. Ci sono numerosi turisti, soprattutto greci, alcuni dei quali completamente nudi.
Spiaggia sulla penisola di Sithonia
La penisola calcidica, con una spiaggia sulla penisola di Sithonia e il Monte Athos sullo sfondo
La parte sud di Sithonia è più brulla e selvaggia e ci divertiamo a percorrere sterrati finché foriamo una gomma. Mentre litigo col cric, una capra mi guarda scuotendo la testa, ma tra una martellata e una bestemmia tutto si risolve per il meglio e senza stress.
Ripartiamo e vediamo lungo la strada il bel porto naturale di Koufo. Arriviamo in hotel a Neos Marmaras, piacevole location turistica, con suggestivi tramonti e splendidi ristorantini sul mare.
Koufo, penisola calcidica
Il porto naturale di Koufo
Il giorno dopo decidiamo di visitare qualche spiaggia di Sithonia, fare un paio di bagni e poi circumnavigare in Stand Up Paddle un'isoletta a caso. Non viaggiamo mai senza i nostri SUP gonfiabili, che ci permettono di godere del mare in libertà lontano dalle folle. Carichiamo sui SUP vestiti, asciugamani, cibo e tanto vino e partiamo per la nostra zingarata dalla spiaggia di Karydi, nel nord-est della penisola di Sithonia.
Spiaggia penisola calcidica
Da Karydi beach verso l'isola di Diaporos
Acqua bassissima e cristallina, tutte le sfumature del celeste, tre minuscoli isolotti larghi trenta metri, poi finalmente l'isola di Diaporos, con mille spiaggette di sabbia chiara tra gli scogli, una meraviglia! I greci in barca non mancano, e nemmeno i campeggiatori selvaggi, ma tra le tante baiette troviamo diversi posti tranquilli dove fare il bagno in solitudine e giocare come bambini cresciutelli.
Spiaggia Diaporos, penisola calcidica
Spiaggia sull'isola di Diaporos
Dopo circa sei km di SUP e 450 tuffi, troviamo un angolo di paradiso dove campeggiare sulla sabbia. Ci ubriachiamo pesantemente, mangiamo feta e foglie di vite ripiene di riso, guardiamo uno strepitoso tramonto e il sorgere delle stelle. Una volpe si avvicina a curiosare, poi scappa. Il lieve sciabordio del mare ci culla mentre ci addormentiamo a cielo aperto. Quindi, 4893 zanzare iniziano a ronzarci attorno. Che romanticismo!
Spiaggia Diaporos, penisola calcidica
Tramonto sull'isola di Diaporos
Ci svegliamo così su una spiaggia di Sithonia, il dito medio della penisola calcidica, ammirando il limpidissimo mare greco: un ottimo modo per iniziare la giornata! Prima che arrivino altri gitanti, iniziamo a pagaiare, così da completare il periplo in Stand Up Paddle dell'isola di Diaporos.

Ieri abbiamo percorso il lato interno dell'isola, più riparato, mentre sul lato esterno troviamo invece un po' di vento. La penisola calcidica non è affetta dal Meltemi come le isole dell'Egeo, ma tutta la Grecia è comunque ventilata. La mia ragazza teme giustamente che l'aria spinga il suo SUP verso luoghi ignoti, o magari verso il Monte Athos, con grande offesa dei monaci locali. Per fortuna, arriviamo presto al riparo della minuscola isoletta di Sant'Isidoro.
In SUP su isola Sant'Isidoro
In Stand Up Paddle sull'isoletta di Sant'Isidoro
La laguna tra le due piccole terre disabitate è strepitosa! Abbiamo una spiaggetta bianca tutta per noi e facendo snorkeling vediamo coralli gialli e tantissime meduse colorate: si tratta di paffuti esemplari di medusa cassiopea, non urticanti.
Medusa cassiopea
Medusa cassiopea
Dopo altri mille bagni torniamo alla spiaggia di Karydi, da dove siamo partiti ieri. Che dire: una circumnavigazione in SUP spettacolare e sorprendente (prima d'iniziare non sapevamo nulla dell'isola di Diaporos, nemmeno il nome)!
Coralli Isola Diaporos
Coralli nei fondali dell'isola di Diaporos
Dopo pranzo sgonfiamo i SUP, carichiamo la nostra auto a noleggio bulgara e lasciamo la penisola calcidica. Guidiamo per tre ore e mezza fino alle Meteore, nell'interno della Grecia continentale. Qua ci accolgono paesaggi meravigliosi, con rocce insensate nate da chissà quale immane cataclisma. Alloggiamo a Kalambaka, che è una cittadina turistica e piacevole dove mangiamo della deliziosa moussaka, digerita grazie a una generosa porzione di ouzo, il superalcolico locale (40 gradi) aromatizzato all'anice.
A Kalambaka tra le Meteore
A Kalambaka tra le Meteore
Il giorno dopo ci svegliamo presto, desiderosi di visitare i famosi monasteri delle Meteore, una delle perle della Grecia del nord. Ci sono oggi 6 monasteri aperti e visitabili arroccati sui pilastri di roccia, più vari altri praticamente crollati. Una strada di una quindicina di chilometri permette di raggiungere comodamente i sei monasteri. Noi pensavamo che alle Meteore avremmo dovuto arrampicarci in compagnia di muli puzzolenti su ripide scale scavate nella roccia - un quadretto davvero idilliaco - ma in realtà troviamo tutto facile e turistico. Bisogna salire sempre un po' di gradini, ma niente di che.
Meteore
Il paesaggio delle Meteore
Detto questo, i monasteri sono spettacolari e lungo la strada si trovano anche alcuni punti panoramici strepitosi, quindi le Meteore ci piacciono da impazzire. Vanno godute con calma, anche se un turista frettoloso potrebbe anche soddisfarsi in un paio d'ore.
Monastero tra le Meteore Monastero tra le Meteore
Monasteri tra le Meteore
Al mattino le nuvole rendono le foto cupe, ma dopo pranzo il sole regala viste spettacolari, facendoci anche scoppiare di caldo. Non demordiamo e con una camminata in impegnativa salita (infatti ci siamo solo noi!) raggiungiamo un meraviglioso scenario naturale, il "centro" delle Meteore, dove un buffo pennacchio roccioso è circondato dalle maestose pareti.
Meteore
Circondati dalle pareti rocciose
Abbiamo poi ancora il tempo di vedere due pittoreschi monasteri incastonati nella roccia che non fanno parte del tipico giro turistico. Facciamo la spesa per il giorno dopo (abbiamo intenzioni molto avventurose) e ceniamo con succulenti "meze" (tipico mix di antipasti greci, con verdure, salse e altre porcose delizie).
Meteore
Un monastero incastonato nella roccia
Alle 7 siamo già svegli e pronti a partire verso il mare greco con la nostra auto bulgara. Alle 11 siamo parcheggiati a Mytikas, pittoresca e tranquillissima località sul Mar Ionio, e siamo eccitati dal nostro folle programma. E' tutto poco turistico, ma troviamo un foglio in greco con gli orari del traghetto per l'isola di Kalamos. Lo decifriamo, prepariamo le sacche dei SUP gonfiabili col necessario per bivaccare e alle 12 partiamo. Il paesino di Kalamos è tranquillo e caratteristico, con un porticciolo incantevole. Alle 13:30 diamo il via a quella che è la prima circumnavigazione in Stand Up Paddle dell'isola di Kalamos (o almeno così credo). Ci spettano quasi 30 chilometri di pagaiate!
Isola di Kalamos, Grecia
Isola di Kalamos
Il mare è caldo e cristallino, gli alberi di conifere arrivano sul mare, i turisti sono pochissimi, mentre sull'isola abbondano le capre e le rovine di vecchi mulini a vento.
Isola di Kalamos, Grecia
Isola di Kalamos
Questi ultimi avrebbero dovuto farci intuire che, al di là delle previsioni, a Kalamos il vento soffia spesso! E, per combinazione, sempre contro di noi. Comunque, arriviamo nel meraviglioso borgo abbandonato di Porto Leone. Qui rimangono una chiesetta, una casa ristrutturata, un paio di moli da cui è invitantissimo tuffarsi e i ruderi di edifici distrutti da un vecchio terremoto.
Isola di Kalamos, Grecia Isola di Kalamos, Grecia
Porto Leone, Isola di Kalamos
Continuiamo lungo la splendida costa. Il vento contrario diventa esagerato, così ci dirigiamo verso una spiaggetta, da cui dobbiamo cacciare via le capre. Sgonfiamo i SUP che saranno il nostro letto, apparecchiamo con vino rosso greco, feta e altre delizie locali e bivacchiamo in quel piccolo paradiso.
Isola di Kalamos, Grecia
La spiaggetta dove abbiamo pernottato
Ci svegliamo su una spiaggia dell'isola di Kalamos sotto lo sguardo dubbioso di alcune capre. Il mare è calmo, il paesaggio idilliaco: dopo una breve colazione riprendiamo la nostra circumnavigazione in stand-up paddle. Ci mancano ancora quasi 20 km, quindi non è per nulla scontato che riusciremo in questa impresa.
Isola di Kalamos, Grecia
Una delle tante spiagge sull'isola di Kalamos
Kalamos, oltre a essere meravigliosa e pressoché disabitata, presenta anche un monte alto 700 metri, che in alcuni punti ci fa una piacevole ombra. Mentre pagaiamo, ammiriamo i bei paesaggi, degli allevamenti di pesci, le solite capre, l'acqua cristallina e le spiaggette nascoste.
Episkopi, Isola di Kalamos, Grecia
Episkopi
In tarda mattinata arriviamo a Episkopi, un grazioso porticciolo con poche case. Dopo una breve pausa proseguiamo lungo incredibili boschi di conifere. Che idillio! A un certo punto si tira su un vento fastidioso, come al solito dispettosamente contrario.

Mentre siamo al largo di Mirtia Beach, un'incredibile sorpresa. Prima vedo un culone grigio, poi una coda, quindi un grazioso muso baffuto: è una foca monaca, che passa davanti ai nostri SUP e poi s'immerge prima che possiamo scattare una foto. Che meraviglia! Pare esistano solo 700 foche monache nel Mediterraneo e vederne una non è affatto scontato.
Isola di Kalamos, Grecia
Acqua cristallina attorno a Kalamos
Arriviamo al paese di Kalamos nel pomeriggio. Un po' di relax nel pittoresco villaggio, sgonfiamo i SUP, traghettino fino a Mytikas, quindi un'ora d'auto sino a Nikiana, sull'isola di Lefkada - che è comodamente collegata da un ponte alla terraferma. A Nikiana una cena come sempre deliziosa in una taverna sul mare e un pernottamento coi fiocchi!
Quando ci svegliamo non lo sappiamo ancora, ma questo è il nostro ultimo giorno di vacanza in Grecia del nord. La Bulgaria, rustica e tranquilla, ci aspetta.
Capo Lefkada
Vista dal faro di Capo Lefkada
Ci svegliamo infatti a Nikiana sulla meravigliosa isola di Lefkada, nel Mar Ionio. La giriamo in auto fermandoci in alcuni punti panoramici e facendo il bagno sulla meravigliosa spiaggia di Porto Katsiki.
Porto Katsiki, Lefkada
Porto Katsiki
Mentre la coppia dietro di noi soffre facendo finta di divertirsi (lei che prende il sole avvolta nell'asciugamano, lui che tamburella nervosamente i piedi, annoiato a morte), noi ripartiamo e pranziamo con una panoramicissima insalata greca.
Lefkada
La costa ovest di Lefkada
Tutta la costa ovest di Lefkada, che dà sul Mar Ionio aperto, presenta meravigliose pareti rocciose bianche a picco su lunghe spiagge sabbiose. Meriterebbero tutte una visita, ma c'è troppo turismo, e a stare sdraiati sotto il sole temiamo di annoiarci come la suddetta coppia, quindi decidiamo di partire per la Bulgaria. Ci fermiamo per un gelato sulla spiaggia di Agios Ioannis, con dei vecchi mulini a vento, e guidiamo poi per 6 ore, il viaggio più lungo della nostra vacanza.
Agios Ioannis, Lefkada
La spiaggia di Agios Ioannis, amata dai kiters
Attraversiamo tutta la Grecia del Nord e arriviamo così per le 21 nel pittoresco villaggio di Melnik, in Bulgaria, poco dopo il confine con la Grecia... di cui potete nella nostra pagina dedicata alle vacanze in Bulgaria!
Isola di Kalamos
In Grecia lo Stand Up Paddle ci ha regalato delle gioie!
Per chiudere qualche commento:
- La Grecia del nord non ha grandi bellezze nell'interno, a parte le impressionanti e consigliatissime Meteore, ma le coste sono lunghe e gradevoli.
- La penisola Calcidica, in particolare, può offrire grandi gioie a chi ama le spiagge sabbiose, soprattutto camminando un pochino per allontanarsi dai tratti affollati (dove i greci praticamente parcheggiano in spiaggia).
- Sul Mar Ionio, i turisti italiani abbondano, ma uscendo dalle isole principali s'incontrano delle autentiche perle come Kalamos.
- Abbiamo mangiato bene, siamo stati sempre trattati con gentilezza, e nessuna delle capre, volpi o foche incontrate ci ha molestati (e noi non abbiamo molestato loro).
- Col Green Pass si viaggia comodamente in Europa, anche in tempi di Covid, basta prestare un minimo d'attenzione alla burocrazia.
- Viaggiare così, a caso, senza prenotare nulla, dormendo in spiaggia quando necessario, è una figata!

Se vi piacciono i viaggi selvaggi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy