Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Metti mi piace alla pagina FB di Wild Trips. I pazzi che hanno speso notti insonni per creare il sito te ne saranno grati! (E riceverai aggiornamenti, consigli di viaggio e foto)

Montenegro

Un paese piccolo ma pieno di sorprese, dal mare ai monti
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

In vacanza in Montenegro

Il Montenegro si trova sul Mare Adriatico, a nord dell'Albania. Pur rappresentando una piccola porzione dell'ex-Jugoslavia, un viaggio in Montenegro permette di ammirare una grande varietà di bellezze: le spiagge sulla costa sono ideali per una vacanza relax, ma chi voglia scoprire di più del paese può esplorarne la natura particolarissima e le caratteristiche cittadine arroccate.
In questa pagina trovate informazioni su come organizzare al meglio il vostro itinerario di viaggio in Montenegro, e sotto foto e descrizioni dettagliate delle più belle destinazioni: il lago di Scutari, poi Budva e la costa, le originalissime Bocche di Cattaro, e infine le montagne del Durmitor e il canyon del Tara.
Lago in Montenegro
Un lago in Montenegro, incontrato guidando nell'interno

Informazioni di viaggio

Il Montenegro è comodamente raggiungibile in traghetto dall'Italia, il che permette di arrivarci direttamente con la propria auto. Dovete fare la carta verde (gratuitamente con la vostra assicurazione) e poi potete così crearvi un itinerario di viaggio in libertà in Montenegro, ma anche sconfinare nei paesi vicini, in particolare Bosnia, Croazia e Albania. In alternativa, potete volare e poi noleggiare un'auto, anche se questo limita un po' le possibilità di vedere altri paesi durante la vostra vacanza per le limitazioni sui passaggi di confine. Potete trovare le auto ai prezzi migliori qui.
Grotta sul mare in Montenegro
Una grotta sul mare in Montenegro, vicino alla Grotta Blu
Per un viaggio in Montenegro meglio prediligere l'estate, per l'ottimo clima. Non incontrerete poi molti italiani, ma tantissimi slavi, tedeschi e russi, quindi se riuscite a evitare le settimane più incasinate di luglio e agosto... tanto meglio!
Ah, per il traghetto dall'Italia potete scegliere diverse tratte: o arrivare direttamente in Montenegro a Bar da Ancona o Bari, oppure puntare Durazzo nel nord dell'Albania da Bari, o Spalato in Croazia da Ancona. Io ho fatto un itinerario circolare: traghetto notturno Bari Durazzo - viaggio in auto verso nord attraverso Montenegro / Bosnia / Croazia - traghetto notturno Spalato Ancona, in modo da sfruttare ogni momento della vacanza.
Monastero di Ostrog in Montenegro
Il Monastero di Ostrog è un esempio di meta turistica incasinatissima del Montenegro... ma tranquilli, ci sono bellissimi posti senza folle
I prezzi in Montenegro sono per ora bassi, ma con l'esplosione del turismo sicuramente aumenteranno. Comunque, per ora si trovano camere doppie a 30 euro a notte anche ad agosto (noi prenotavamo di volta in volta, la sera prima per il giorno dopo, trovando posti spartani ma spesso anche con vista mare!). Potete confrontare gli hotel qui:

Per mangiare, i prezzi sono altrettanto economici: un quintale e mezzo di cevapi (le tipiche polpette salsicciose del Montenegro) può costarvi 6 euro con contorno incluso (non letteralmente un quintale e mezzo, ma comunque tante da sfondarsi).
Un'altra informazione importante per il vostro viaggio: il Montenegro è un paese sicuro e amichevole, parecchi però non parlano inglese (né italiano), quindi potreste avere qualche difficoltà a trovare le stanze degli hotel stando alle loro indicazioni (almeno, a noi è successo così!).
Il lago di Scutari
Il lago di Scutari

Il lago di Scutari

Il più vasto lago del Montenegro è il lago di Scutari, diviso quasi a metà con l'Albania. Questo lago dev'essere assolutamente parte del vostro itinerario di viaggio in Montenegro, almeno per una gita di un giorno. Virpazar è un bel paesino molto tranquillo che però nella parte centrale della giornata, quando arrivano i turisti, si trasforma: tutti proveranno a vendervi un giro in barca sul lago di Scutari, a 25 euro (personalizzato) o a 10 (di gruppo). Potete anche noleggiare dei kayak: noi avevamo i SUP gonfiabili e quindi con grande delusione dei venditori più aggressivi (ma per nostra immensa soddisfazione) abbiamo fatto un'escursione fai da te, che sicuramente non ci ha permesso di vedere tutte le mete più belle del lago, ma senz'altro ci ha fatto godere al meglio la sua natura spettacolare. Sembrava di essere in un posto esotico, tipo in Vietnam!
Il lago di Scutari
Ninfee sul lago di Scutari
In auto, abbiamo poi raggiunto il punto panoramico di Pavlova Strana, che offre una vista incredibile, forse il panorama più bello della nostra vacanza in Montenegro (dico forse perché ce ne sono stati diversi altri, come vedrete fra poco).
Pavlova Strana, Montenegro
Il panorama da Pavlova Strana sui meandri del fiume che s'immette nel lago di Scutari
Poco lontano da Pavlova Strana, il piccolo e pittoresco paese di Rijeka Crnojevica presenta un vecchio ponte e delle mucche (e da qui partono altre escursioni sul lago).
Rijeka Crnojevica, Montenegro
Il paesino di Rijeka Crnojevica

Budva e la costa

La lunga costa del Montenegro è ricca di spiagge e località splendide. Insomma, Budva ne è il centro turistico più importante, ma c'è molto di più. Anzitutto, partendo dall'Albania, s'incontrano Ulcinj (Dulcigno) e lo spiaggione lungo 12 km e animatissimo d'estate di Velika Plaza.
Ulcinj o in italiano Dulcigno, Montenegro
La rocca di Ulcinj (Dulcigno)
(Viste le vecchie dominazioni veneziani e la forte influenza italiana, tante località hanno anche il nome italiano, come in Croazia: tuttavia, siccome ricordarsi due nomi per tanti posti poco noti è complicato, riporto più volentieri il nome locale, che è quello utile a chiedere informazioni, leggere cartelli stradali o studiare mappe).
Il resto della costa montenegrina alterna invece tratti rocciosi a baie con spiagge anche molto ampie. E' il caso della zona di Bar, alle cui spalle si trova anche la bella Bar vecchia.
Moschea a Bar, Montenegro
Una moschea a Bar: nella parte meridionale del Montenegro se ne trovano diverse
Procedendo verso nord-ovest, tra le varie baie con acque cristalline ci sono quelle più piccole come Kraljicina plaza e quelle con paesi che diventano molto turistici d'estate come Petrovazzo. Uno dei panorami più famosi sulla costa Montenegrina è quello sull'isola di Santo Stefano (Sveti Stefan), meta fondamentale per un itinerario di viaggio qui. Il borgo vecchio di Sveti Stefan è purtroppo diventato un resort esclusivo, ma si può accedere alla spiaggia sulla penisola e nuotare sotto le mura.
Sveti Stefan, Montenegro
La penisola di Sveti Stefan
Poco lontano da Sveti Stefan c'è Budva, coi suoi palazzoni dedicati al turismo, lunghe spiagge piene d'intrattenimenti, ma anche un pittoresco centro storico circondato dalle mura. Il borgo si trova proprio sul mare e dopo averne ammirato gli stretti vicoli perfettamente tenuti si può nuotare sotto le storiche fortificazioni veneziane.
Budva, Montenegro
Le mura veneziane del borgo vecchio di Budva
Dopo Budva, procedendo verso ovest, la costa diventa più selvaggia, con pochi punti dove si può scendere al mare con l'auto, posti in genere meno turistici ma proprio per questo da vedere durante la propria vacanza.
Uno di questi punti è Rt Veslo, da dove si può andare in canoa verso la Grotta Blu, passando davanti a uno splendido tratto di costa con acqua cristallina.
Grotta Blu, Montenegro
La Grotta Blu
Poco dopo la Grotta Blu, si aprono le Bocche di Cattaro. All'ingresso del fiordo, vicino alla cittadina di Rose, c'è lo Strand Von Dobrec, un garage sul mare costruito per i sottomarini dell'ex Jugolavia all'epoca della seconda guerra Mondiale.
Tunnel per sottomarini, Montenegro
Tunnel per sottomarini di Strand Von Dobrec, vicino a Rose

Bocche di Cattaro

Arriviamo dunque al fiordo di Kotor, o Cattaro, forse la caratteristica più particolare del Montenegro, certamente la meta attorno a cui ruotano tutti gli itinerari di viaggio qui. Questa doppia insenatura è ricca di bellezze naturali e architettoniche.
Sulle bocche di Cattaro si trovano alcune pittoresche cittadine con centri storici di origine medievale, come Cattaro / Kotor, Perast e Castelnuovo (Herceg Novi).
Bocche di Cattaro, Montenegro
Una vista dall'alto del fiordo di Cattaro
Il modo migliore per visitare le bocche è percorrerne la costa in auto, concedendosi però anche un tour in barca, come vedremo in seguito. Dalla strada si possono ammirare bei paesini e belle viste sulle due baie che costituiscono le bocche di Cattaro, baie così strette che sembrano dei laghi. E' la baia più interna quella più affascinante, su cui si affaccia Cattaro / Kotor.
Cattaro, Montenegro
Il centro storico di Cattaro
Il borgo storico di Kotor è meta turistica rinomata e tappa fondamentale per una vacanza in Montenenegro. E' bello vagare tra le sue viuzze, come affascinante è la faticosa e costosa salita verso la rocca (il biglietto costa 8 euro, sebbene sia, in realtà, un sentiero). Si può anche camminare sulle vecchie mura.
A pochi chilometri da Cattaro c'è Perast, che è più piccola e tranquilla, con bei palazzi sul mare.
Perast, Montenegro
Le case di Perast, vicino a Cattaro
Da Perast è possibile prendere una delle barchette che, per 5 euro a persona (molto più conveniente che da Kotor), portano a visitare le isolette di "Nostra Signora delle Rocce" e San Giorgio, che sono a un centinaio di metri l'una dall'altra.
Isola di San Giorgio, Cattaro
L'isola di San Giorgio, su cui non si può sbarcare
Oltre all'escursione panoramica, le barchette fanno fare una sosta di 10 minuti sulla minuscola ma affascinante isola di Nostra Signora delle Rocce, su cui si erge una chiesetta.
Nostra Signora delle Rocce, Cattaro
L'isoletta di Nostra Signora delle Rocce, nella baia di Cattaro, poco lontano da Perast
Per avere una visione panoramica di tutto il fiordo, è possibile salire sul Monte Lovcen, che in linea d'aria è vicinissimo a Kotor, ma, trovandosi la cima a 1700 metri di quota, richiede una buona ora di strada. Le viste migliori sulle Bocche di Cattaro si hanno dalla strada, mentre sulla vetta del Monte Lovcen si erge un mausoleo dedicato al vescovo principe scrittore Petar II Petrović Njegoš, il poeta più importante della storia Montenegrina.
Il mausoleo sul Monte Lovcen
Il mausoleo sul Monte Lovcen
Da qui la vista sfiora appena il mare, ma si possono ammirare l'interno del Montenegro e le montagne circostanti. Sul Monte Lovcen ci sono numerosi itinerari di trekking e, in generale, per chi ha tempo, le bocche di Cattaro sono uno splendido posto dove raggiungere sui sentieri paesini caratteristici e punti panoramici.

Durmitor e il canyon del Tara

Il paradiso montenegrino del trekking è però il parco nazionale del Durmitor, dove tra montagne alte duemila metri si aprono deliziosi laghetti alpini. D'agosto è preso d'assalto dai turisti slavi, ma tra i tanti sentieri è facile uscire dai percorsi più battuti e trovarsi soli, immersi nella natura.
Il posto più turistico è il Lago Nero, anche perché è vicinissimo a Zabljak, il centro di vacanza principale per i viaggiatori nella zona. Nonostante la gente che si può trovare in alta stagione, il Lago Nero, è splendido e, a dispetto del nome, coloratissimo.
Il Lago Nero tra le montagne del Durmitor
Il Lago Nero tra le montagne del Durmitor
I sentieri nel parco del Durmitor sono tanti che gli appassionati di montagna possono spendere settimane a fare escursioni qui... ovviamente, gli italiani appassionanti delle nostre Alpi vedranno nel Durmitor bei posti, ma niente di così straordinario (se non i prezzi ben più bassi rispetto a quelli delle Dolomiti). Tra gli itinerari escursionistici più belli, posso citare il sentiero di Curevac per un panorama sul canyon del fiume Tara, e i percorsi verso i vari laghetti come il Lago Jablan (lago piccolo).
Le montagne del Durmitor
Le montagne del Durmitor, attorno al lago Jablan
La soluzione migliore per ammirare il canyon del fiume Tara, che è anche la caratteristica naturale più particolare in zona, è visitare il famoso ponte che lo attraversa.
Il ponte sul Tara, Montenegro
Il ponte sul Tara
Il canyon del Tara è il più profondo d'Europa e il fiume è una meta turistica rinomata per il rafting (anche se ad agosto l'acqua bassa riduce di molto l'adrenalina delle rapide). La vista dal ponte è impressionante.
Il fiume Tara, Montenegro
Il fiume Tara

Conclusione

Un viaggio in Montenegro? Una grande idea! In alta stagione, se avete modo di uscire dagli itinerari più battuti, tanto meglio: può bastare un kayak gonfiabile, o, che so, una mountain bike. Si può evitare, secondo me, di stare dietro alle guide turistiche e guardare 50 bei paesini arroccati, in Italia abbiamo borghi altrettanto (e più) belli. Invece, esplorare i posti meno famosi può dare grandissime soddisfazioni. Buon viaggio!
Se vi piacciono i viaggi selvaggi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy