Seguiteci su FB e Instagram! Dopo le notti insonni spese per creare il sito, ve ne saremo grati!

E se vi piacciono i libri di viaggio, leggete l'unica ed emozionante
GUIDA TURISTICA DEL PIANETA TERRA: UN'ESILARANTE AVVENTURA DALLA NAMIBIA ALLA LIGURIA

Seguiteci su FB e Instagram! Dopo le notti insonni spese per creare il sito, ve ne saremo grati!

E se vi piacciono i libri di viaggio, leggete l'unica ed emozionante
GUIDA TURISTICA DEL PIANETA TERRA: UN'ESILARANTE AVVENTURA DALLA NAMIBIA ALLA LIGURIA

CILE - PATAGONIA

Paesaggi sconfinati, pinguini e camelidi, lunghe strade e meravigliosi sentieri
Itinerari di viaggio, escursionismo, kayak e vela in Italia e nel mondo

PATAGONIA CILENA E ARGENTINA: FOTO E DIARIO DI VIAGGIO

Questa è la continuazione di un lungo viaggio in Sud America. Se non le avete ancora lette, date un'occhiate alle informazioni di viaggio e alla mappa dell'itinerario completo qui: www.wildtrips.net/cile-argentina.htm. Qua sotto trovate una lunga serie di foto intervallata all'appassionante diario di viaggio.

Cowboy a cavallo in Patagonia
Cowboy a cavallo in Patagonia

PATAGONIA: DIARIO DI VIAGGIO E FOTO

Terminato il nostro itinerario di viaggio tra Atacama e il Cile Centrale, con l'arrivo in Patagonia ci sembrò d’iniziare un’altra vacanza.
Atterrammo all’una del pomeriggio a Punta Arenas, la grande città più a sud del Cile, e ci recammo subito da Europcar per ritirare l’auto a nolo prenotata su internet attraverso l’agenzia cilena Lys rent a car. Incredibilmente, però, la nostra prenotazione risultava inesistente. Andreas Gabor, il proprietario di Lys, non era rintracciabile. In più, sembrava che non ci fossero altre auto disponibili. Insomma, temevamo d’essere stati truffati e sicuramente eravamo a piedi. Il nostro viaggio patagonico partiva alla grande.
Nell’inefficienza generale, devo però dire che sia l’addetto di Europcar sia Lys (quando finalmente ci rispose 15 giorni dopo) furono molto gentili. In qualche modo, Europcar ci trovò alla fine un’altra auto e ci mettemmo per strada.
Non capiremo mai cosa accadde, ma tutto si concluse bene e in seguito fummo rimborsati della prenotazione scomparsa. Non me la sento di consigliare Lys perché un’agenzia che, in caso di problemi, risponda con 15 giorni di ritardo non è molto affidabile… ma Andreas Gabor risultò quantomeno una persona onesta, che non è poco al giorno d'oggi.
Da Punta Arenas guidammo alla pinguinera sul seno di Otway.
Pinguini, Seno Otway, Patagonia
Pinguini sul seno Otway, in Patagonia
Vedemmo una trentina di pinguini in un bel paesaggio molto patagonico. L’ingresso alla pinguinera è relativamente costoso (8000 pesos a testa), ma accettabile soprattutto se, come successe a noi, si capita lì durante il cambio turno e non c’è nessuno a cui pagare il biglietto.
Pinguini, Seno Otway, Patagonia
Pinguini sul seno Otway, in Patagonia
Dalla pinguinera, oltre due ore d’auto attraverso bei paesaggi sconfinati ci portarono a Puerto Natales. Qui impiegammo almeno mezz’ora per trovare una doppia con bagno come piaceva a noi (alcuni ostelli incredibilmente erano chiusi perché era il primo dell’anno), ma alla fine, per 32000 pesos inclusa un’abbondante colazione, ci sistemammo in una bella locanda. Il giorno dopo, in un paio d'ore d'auto, raggiungemmo il parco naturale di Torres del Paine. Avemmo la fortuna di trovare una giornata splendida e i panorami erano mozzafiato.
Torres del Paine, Patagonia, Chile
Ghiacciaio sulle Torres del Paine
Iniziando dalla Laguna Amarga, percorremmo in auto le strade sterrate del parco fino al campeggio Grey, fermandoci in diversi punti panoramici per compiere delle brevi camminate. Lungo l’itinerario ammirammo centinaia di guanachi, armadilli e nandù (una specie di struzzo).
La Guida Turistica del Pianeta Terra, di Simone Boragno
La passeggiata più lunga e spettacolare, di un paio d’ore tra andata e ritorno, fu quella che partiva dal Salto Grande e arrivava a un memorabile punto panoramico sul lago Nordeskjold.
Torres del Paine, Patagonia, Chile
Torres del Paine, Patagonia, Chile
Torres del Paine, Patagonia, Chile
Relax ammirando le Torres del Paine
Armadillo sotto le Torres del Paine
Armadillo sotto le Torres del Paine
Da ricordare anche una bella camminata sul Lago Grey: il parco del Torres del Paine è ricchissimo di itinerari di trekking.
Torres del Paine, Patagonia, Chile
Il Lago Grey nel parco delle Torres del Paine, Patagonia
Lasciammo il parco attraverso una nuova strada che parte dal Rio Serrano, taglia parecchi chilometri e passa anche sotto la Cueva del Milodon (di cui ci accontentammo di una vista da lontano). Rientrammo a Puerto Natales per ritirare dalla sede locale di Europcar i permessi per l’espatrio in Argentina. Tra i percordi d’escursionismo notevoli ci sono il circuito “W”, così chiamato per il suo percorso a W tra le valli, e quello completo attorno alle torri: entrambi permettono di camminare per giorni in paesaggi spettacolari, dormendo in rifugi attrezzati. Ovviamente ci vuole una vacanza lunga tra Patagonia cilena e argentina. Con un trekking in giornata si può andare al ghiacciaio Grey, raggiungendo il punto di partenza col traghetto (costo a partire da 70 euro a testa); oppure fino al laghetto glaciale alla base delle Torri del Paine.
Visto che pioveva, come spesso accade nel sud del Cile, percorremmo invece 400 km in auto per andare in Argentina, a El Chalten (meta che fino a quel momento non avevamo considerata nel nostro itinerario di viaggio in Patagonia perché troppo lontana, ma lì le previsioni davano sole!).
Lago Viedma, Patagonia Argentina
Lago Viedma, Patagonia Argentina
Paesaggi splendidi, nessun problema alla dogana tra Cile e Argentina, tra Patagonia di qua e Patagonia di là. L’ultimo tratto di strada per El Chalten correva lungo il lago Viedma mentre di fronte a noi spiccava il monte Fitz Roy.
El Chalten e il Fitz Roy, Patagonia Argentina
El Chalten e il Fitz Roy, Patagonia Argentina
El Chalten e il Fitz Roy, Patagonia Argentina
El Chalten e il Fitz Roy
El Chalten è un piccolo paese dove alloggiano soprattutto escursionisti e arrampicatori. Facemmo così un bel trekking patagonico, ammirando le vette del Fitz Roy e del Cerro Torre.
Fitz Roy e Cerro Torre, Patagonia Argentina
Fitz Roy e Cerro Torre, Patagonia Argentina
La nostra meta era la base dell'imponente Cerro Torre, monte granitico che rappresenta una delle imprese alpinistiche più difficili al mondo. Dopo dieci chilometri di camminata attraverso bellissimi paesaggi montani, arrivammo alla Laguna Torre, un lago glaciale con piccoli iceberg.
Cerro Torre, Patagonia Argentina
La Laguna Torre, ai piedi dell'omonimo Cerro
Cerro Torre, Patagonia Argentina
Iceberg nella Laguna Torre
Da solo, continuai verso il Mirador Maestri, posizionato giusto sopra il ghiacciaio che formava la Laguna. Il vento, che due chilometri più a valle quasi non si sentiva, raggiungeva lì delle velocità folli: si stentava a camminare contro le raffiche, e quando queste mi prendevano rischiavo d’essere scaraventato a terra. Imprecai gentilmente contro Eolo, che girò la colpa a Dio, che al momento era impegnato e per quel vento non poteva fare nulla. Poco male, per carità, ero pur sempre in vacanza.
Cerro Torre, Patagonia Argentina
Cerro Torre, Patagonia Argentina
Non so se raggiunsi il Mirador perché il sentiero si perdeva in una pietraia senza tracce, ma sicuramente arrivai in un bel punto panoramico sopra il ghiacciaio. Nel frattempo velocissime nuvole coprirono la vetta del Cerro Torre. Rientrai alla laguna, e da lì tornammo indietro scappando dal brutto tempo, che comunque, si fermò tra le montagne.
Cerro Torre, Patagonia Argentina
Lasciando il Cerro Torre
Arrivati a El Chalten, riprendemmo l’auto e ci dirigemmo verso El Calafate. Costeggiando il Lago Argentino arrivammo in un paio d'ore. El Calafate è il centro principale del turismo patagonico, pieno zeppo di alberghi, ristoranti e negozi, una metropoli in confronto a El Chalten. Trovammo una camera doppia nell’enorme ed economico Calafate Hostel – se non trovate posto lì, siete nei guai.

In Argentina nel 2015 il cambio ufficiale era di 10 dollari argentini per un euro, ma la valuta locale aveva così poco valore che al mercato nero (semplicemente nei negozi o negli hotel) venivano offerti 15 dollari argentini per un euro. Insomma, cambiando contanti anziché ritirando nelle banche si poteva pagare appena 20 euro una camera di albergo da 300 dollari argentini, o, per fare un altro esempio, appena 70 centesimi di euro per un litro di benzina. Una vera fortuna.
I ristoranti di El Calafate, invece, avevano prezzi inflazionati dal turismo, ma a cena non ci facemmo mancare un pantagruelico Asado patagonico.
Il giorno seguente ci svegliammo presto per visitare il celebre Perito Moreno, in agilità.
Perito Moreno, Patagonia Argentina
Perito Moreno, Patagonia Argentina
Arrivammo alle 9 e non c’era ancora quasi nessuno. Pagammo i nostri 235 dollari argentini a testa e guidammo fino al punto più alto della strada, dai Mirador, per poi scendere alle comode passerelle che permettono d'ammirare il grandioso ghiacciaio del Perito Moreno. Una delle sette meraviglie del mondo, un must in ogni itinerario di viaggio in Patagonia, seppur, dal mio punto di vista, meno emozionante di una camminata a Torres del Paine o nel Parque Nacional Los Glaciares (quello di Fitz Roy e Cerro Torre). Sarà l’atmosfera turistica, saranno le comode passerelle, ma al Perito Moreno c’è meno senso d’immersione nella natura, meno avventura. E’ vero però che la vista era meravigliosa e si possono anche compiere costose escursioni guidate per camminare sul ghiacciaio, tra i crepacci blu, in un ambiente unico.
Perito Moreno, Patagonia Argentina
Perito Moreno
Da El Calafate andammo a Rio Gallegos, per uscire dagli itinerari più battuti, attraversando l'affascinante e ventosa, e a lungo andare anche piatta e monotona, pampa argentina.
Patagonia Argentina
I colorati paesaggi della Patagonia Argentina
Rio Gallegos è una città commerciale, non attraente per un turista. Da lì attraversammo il confine col Cile e ci dirigemmo verso la nostra meta successiva, il parco Pali Aike, un luogo strano, fatto di crateri, rocce laviche, lagune e guanachi sparsi su praterie erbose.
Pali Aike, Patagonia, Cile
Pali Aike, Patagonia, Cile
Meritava una visita, ma Pali Aike non doveva certo essere al centro di un viaggio in Patagonia: Torres del Paine, Fitz Roy, Perito Moreno... sono molto meglio!
Pali Aike, Patagonia, Cile
Parco di Pali Aike
Continuando lungo la strada che dal confine argentino porta a Punta Arenas, incontrammo il burrascoso Stretto di Magellano, che collega Oceano Pacifico e Atlantico e la cui vista fu affascinante, oltre che fondamentale in un itinerario di viaggio nel Sud della Patagonia.
Stretto di Magellano, Patagonia, Cile
Stretto di Magellano, Patagonia, Cile
Arrivammo quindi a Punta Arenas, moderna città commerciale e turistica piena di bar, ristoranti, negozi, bei palazzi, piazze alberate e un lungomare affascinante su cui ammirammo un arcobaleno. Cenammo con pesce, granchio e altri tipici prodotti del posto.
Arcobaleno a Punta Arenas, Patagonia, Cile
Arcobaleno a Punta Arenas, Patagonia, Cile
La nostra vacanza in Patagonia si concluse col volo da Punta Arenas a Santiago. Per l'ultima parte del diario di questo viaggio sudamericano, tornate al Cile Centrale.

Se vi piacciono questi viaggi selvaggi o se volete trovare altre foto di questa e altre destinazioni, oltre che consigli e nuovi itinerari, visitate la nostra pagina FB e mettete mi piace:

Cliccate qui per accedere a tutti i diari di viaggio.

Contatta info@wildtrips.net per domande su un itinerario, suggerimenti su un diario di viaggio, collaborazioni o per organizzare gite in mare in Liguria.
Mappa del sito - Privacy